Parodontologia

Oggi è anche possibile, in molti casi, rigenerare l’osso distrutto dalla malattia parodontale, per salvare i denti ancora presenti o per sostituire con impianti quelli mancanti. Sono dette più precisamente malattie parodontali perchè le gengive sono parte di una struttura più complessa, il Parodonto, che è formato anche da osso, da fibre connettivali (il legamento parodontale) e dal cemento delle radici dei denti.

Nelle malattie del parodonto si raggruppano diversi tipi di malattie che comunque riguardano le strutture che tengono i denti fissi nelle nostre ossa, quelle più comuni.

Gengivite: Le gengiviti sono frequentissime e circa il 90% di noi ne soffre in modo più o meno avanzato. Sono dovute, quasi sempre, all’accumulo eccessivo dei batteri sulle superfici dei denti, che provoca l’infezione del margine gengivale, e di conseguenza il suo rigonfiamento e un certo arrossamento.

Il sanguinamento della gengiva quando spazzoliamo i denti è spesso l’unico sintomo evidente della gengivite.

Parodontite: E’ meno frequente delle gengiviti, ma comunque è tra le malattie più diffuse al mondo. Spesso ne avrai sentito parlare con il termine di “piorrea”, un termine, però, non corretto.

 La sua causa è, ancora una volta, quasi sempre l’accumulo della placca batterica sulla superficie dei denti, che causa una infezione che non solo raggiunge il margine della gengiva, ma anche i tessuti più profondi, cioè l’osso, il legamento parodontale e il cemento della radice. La distruzione dei tessuti di sostegno del dente determina l’approfondimento della tasca parodontale, cioè lo spazio esistente tra la radice del dente e la gengiva.

Sebbene la malattia sia più grave della comune gengivite, nella maggior parte dei casi, non ci si accorge di nulla.

Tasca parodontale

come si interviene?

  • Igiene dentale professionale: Sicuramente la velocità di intervento fa la differenza. Poiché la causa è l’accumulo di placca batterica, una igiene dentale costante effettuata da professionisti, da ripetere almeno due volte all’anno, consentirà di monitorare lo stato di salute di denti e gengive ed intervenire prontamente prevenendo ogni tipo di infezione batterica.

In fase di visita il medico con l’ausilio di un sondino verificherà se ci sono spazi tra gengiva e dente (dette tasche) e la loro profondità. Il costo di una igiene dentale professionale si aggira sugli 80€.

  • Curettage gengivale: Nei casi più gravi, l’odontoiatra suggerirà un curettage gengivale, una procedura che, nei casi meno gravi, con l’ausilio di una curette consentirà di rimuovere la placca accumulata nell’area sub gengivale (curettage a cielo chiuso).

Nei casi più gravi, di tasche più profonde o di accumuli più importanti di tartaro sub gengivale, si dovrà intervenire con un curettage a cielo aperto, nel corso del quale si interviene chirurgicamente per separare la gengiva dall’osso e consentire la rimozione del tartaro.

Il costo di un curettage a cielo chiuso presso Excellence Bari si aggira sui 160€ a “quadrante” (ovevro per mezza arcata dentale).

Il curettage a cielo aperto si aggira sui 500€ per arcata dentale.

  • Chirurgia muco gengivale: in presenza di recessioni gengivali, quando le tasche parodontali sono molto profonde o il parodonto appare molto compromesso, si effettuano interventi per il ripristino in volume, altezza e consistenza della gengiva. La chirurgia muco gengivale prevede generalmente un innesto connettivale: viene prelevato un lembo di tessuto connettivo dalla cosi detta “zona donatrice” (generalmente il palato), che verrà poi applicato nell’area gengivale retrocessa.

Il costo per un intervento di chirurgia muco gengivale ha un costo variabile a seconda della gravità ed ampiezza del problema, e parte dai 450€ per un ripristino semplice ai 950/1.000€ per un intervento con innesto massimo.

Chirurgia muco gengivale

Domande frequenti

Clinica Estetica Excellence Bari

La prima visita in Excellence Bari è gratuita.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.